1. L’UNICEF è il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, fondato nel dicembre 1946 per aiutare i bambini vittime della seconda guerra mondiale. Ha la sua sede centrale a New York ed è presente in 190 paesi. Si occupa di assistenza umanitaria per i bambini e le loro madri in tutto il mondo, principalmente nei paesi in via di sviluppo.
  2. “100% vacciniamoli tutti” è una campagna internazionale con la quale l’UNICEF vuole potenziare i programmi di vaccinazione in 8 Stati particolarmente vulnerabili, nei quali si concentra un quarto della mortalità infantile globale: Afghanistan, Angola, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Nigeria, Pakistan, Sud Sudan e Yemen.
  3. “Prevenire e curare la malaria” è un progetto di prevenzione, diagnosi e cura della malaria che l’UNICEF porta avanti a livello mondiale per ridurre l’incidenza di questa temibile malattia, non solo per i bambini  ma anche per le donne in gravidanza, che sono particolarmente vulnerabili, poiché la malaria accresce i rischi di anemia, di nascite sottopeso e di mortalità da parto. 
  4. La più giovane attivista per il diritto all’istruzione e rifugiata siriana dell’UNICEF si chiama Muzoon Almellehan ed ha 19 anni. Muzoon è fuggita  dalla Siria con la sua famiglia nel 2013 e per 18 mesi ha vissuto  nel campo profughi di Za’atari dove ha cominciato ad occuparsi del diritto all’istruzione per i bambini, e in primo luogo delle ragazze. 
  5. “#votaperibambini – Diritti in Parlamento” è un documento di 10 proposte che l’UNICEF ha formulato sulle priorità per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia. Dove vengono affrontati temi come la povertà, l’investimento per un futuro migliore, l’ambiente giusto per crescere, l’ascolto e la partecipazione nelle lezioni, la violenza, la giustizia, lo sviluppo, la cittadinanza, la formazione e una giusta qualità della scuola per tutti. 
  6. “Io come Tu” è la campagna dell’UNICEF Italia che promuove il dialogo su i diritti della cittadinanza. Questa campagna ribadisce il diritto alla non discriminazione dei bambini e degli adolescenti di origine straniera che vivono, studiano e crescono in Italia. Perché se i bambini sono tutti uguali non possono esserlo anche i loro diritti?

UNICEF_field_Visit_Malawi (1)

Flavia Polizzi